Domandina - marcolino

Vai ai contenuti

Menu principale:

Domandina

La vita dovrebbe essere vissuta al contrario.


Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così tricchete tracchete il trauma è già bello che superato.

Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto che vai migliorando giorno dopo giorno.

Poi ti dimettono perchè stai bene, e la prima cosa che fai è andare in posta a ritirare la tua pensione, e te la godi al meglio.

Col passare del tempo, le tue forze aumentano, il tuo fisico migliora, le rughe scompaiono.

Poi inizi a lavorare, e il primo giorno ti regalano un orologio d'oro.

Lavori quarant'anni finchè non sei così giovane da sfruttare adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa.

Quindi vai di festino in festino, bevi, giochi, fai sesso e ti prepari per iniziare a studiare.

Poi inizi la scuola, giochi con gli amici, senza alcun tipo di obblighi e responsabilità, finchè non sei bebè.

Quando sei sufficientemente piccolo, ti infili in un posto che ormai dovresti conoscere molto bene.

Gli ultimi 9 mesi te li passi flottando tranquillo e sereno, in un posto riscaldato con room service e tanto affetto, senza che nessuno ti rompa i coglioni.

E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo.

Riesci a pensare una vita migliore di questa??

se...


se l'euro domani sparisse, compreresti una bottiglietta d'acqua a 2000 lire?
e allora perchè oggi accetti di pagarla 1 euro??

se l'euro domani sparisse, accetteresti di pagare per 1 camera e salone, 2 milioni al mese di affitto?
e allora perchè oggi accetti un contratto a 1000 euro al mese?

se l'euro domani sparisse, compreresti una casa con 2 camere a 400 milioni di lire?
e allora perchè oggi accetti di acquistarla a 200 mila euro?

se domani l'euro sparisse, riceveresti di stipendio base, per un operaio, un milione e 600 mila lire, che erano sufficienti per vivere.
e allora perchè oggi ti danno solo 800 euro che non ti permettono neanche di farti una famiglia?

se domani l'euro sparisse, pagheresti 3000 lire al litro la benzina?
e allora perchè oggi la paghi così?

se domani l'euro sparisse...sarebbe un sogno!!
e poi dicono che grazie all'euro non stiamo peggio!! ma chi ci crede!!??

e poi..

se vendono auto e moto che vanno a più di 200 l'ora, di cosa si lamentano se c'è gente che uccide e si uccide a questa velocità? Perchè non omologarne solo se vanno a non più di 120 l'ora? Perchè non inserire come materia obbligatoria a scuola l'educazione stradale già dalle elementari?

se vendono alcool a tutte le ore e a chiunque, anche se già ubriaco, o nelle discoteche, cosa dobbiamo aspettarci se non un incidente da li a poco? Perchè non iniziare già a scuola insegnando una corretta educazione alimentare?

se da GRANDE non so chi è stato Totò, Alain Delon, Gino Cervi oppure Kennedy, Martin Luther King, il Dalai Lama, Madre Teresa, Gandhi e ancora tutti i personaggi della storia contemporanea, perchè non me lo insegnano a scuola?

se uno straniero commette un reato, perchè condannare tutti i suoi concittadini? Condanniamo solo lui.

se uno straniero commette un delitto, viene segnalato su tutti i giornali a caratteri cubitali per più giorni. Perchè ci dimentichiamo presto dei delitti commessi dagli italiani che sono altrettanto efferati? I delitti non hanno cittadinanza. Sono delitti e basta.

se chi li commette non viene poi punito come merita, perchè meravigliarsi se poi delinque ancora?

se


continua....
di la tua.

Se eri un bambino negli anni 50, 60 e 70...

        Come hai fatto a sopravvivere ?



1
.- Da bambini andavamo in auto che non avevano cinture di sicurezza né airbag...


2.- Viaggiare nella parte posteriore di un furgone aperto era una passeggiata speciale e ancora ne serbiamo il ricordo.
3.- Le nostre culle erano dipinte con colori vivacissimi, con vernici a base di piombo.
4.- Non avevamo chiusure di sicurezza per i bambini nelle confezioni dei medicinali, nei bagni, alle porte.  
5.- Quando andavamo in bicicletta non portavamo il casco.
6.- Bevevamo l'acqua dal tubo del giardino, invece che dalla bottiglia dell'acqua minerale...
7.- Trascorrevamo ore ed ore costruendoci carretti a rotelle ed i fortunati che avevano strade in discesa si lanciavano e, a metà corsa,   ricordavano di non avere freni.  Dopo vari scontri contro i cespugli, imparammo a risolvere il problema. Si, noi ci scontravamo con cespugli, non con auto!
8.- Uscivamo a giocare l'unico obbligo di rientrare prima del tramonto. Non avevamo cellulari...cosicché nessuno poteva rintracciarci.  Impensabile....
9.- La scuola durava fino alla mezza , poi andavamo a casa per il pranzo con tutta la famiglia (si, anche con il papà).     
10.- Ci tagliavamo,ci rompevamo un osso,perdevamo un dente,e nessuno faceva una denuncia per questi incidenti.La colpa non era di nessuno, se non di noi stessi.      
11.- Mangiavamo biscotti, pane olio e sale,pane e burro image026.gifimage027.gif, bibite zuccherate e non avevamo mai problemi di soprappeso, perché stavamo sempre in giro a giocare...  
12.- Condividevamo una bibita in quattro... bevendo dalla stessa bottiglia  e nessuno moriva per questo.
13.- Non avevamo Playstation, Nintendo 64, X box, Videogiochi televisione via cavo con 99 canali videoregistratori,dolby surround cellulari personali computer chatroom su Internet Avevamo invece tanti AMICI.
14.- Uscivamo,  montavamo in  bicicletta  o camminavamo  fino a casa dell'amico, suonavamo il campanello o semplicemente entravamo senza bussare e lui era lì e uscivamo a giocare.
15.- Si! Lì fuori! Nel mondo crudele!  Senza un guardiano!  Come abbiamo fatto? Facevamo giochi con bastoni e palline da tennis, si formavano delle squadre per giocare una partita; non tutti venivano scelti per giocare e gli scartati dopo non andavano dallo psicologo per il trauma.  
16.- Alcuni studenti non erano brillanti come altri e quando perdevano un anno lo ripetevano.   Nessuno andava dallo psicologo, dallo psicopedagogo, nessuno soffriva di dislessia né di problemi di attenzione né di iperattività; semplicemente prendeva qualche scapaccione e ripeteva l’anno.
17.- Avevamo libertà successi, responsabilità  e imparavamo a gestirli.   

La grande domanda allora è questa:  
Come abbiamo fatto a sopravvivere ?  
ed a crescere e diventare grandi ?


Se appartieni a questa generazione, invia questo messaggio fai ai tuoi conoscenti della tua stessa generazione ….  ed anche  a gente più giovane  perché sappiano come eravamo prima.....

 
Torna ai contenuti | Torna al menu